Fobia Sociale (o Ansia Sociale)

Parlare in pubblico, dover tenere un discorso di fronte ad altre persone (a lavoro, a scuola o semplicemente a cena con amici) ci espongono agli sguardi e al giudizio di chi sta ascoltando. Ci sono persone più portate a questa attitudine e persone più in difficoltà e imbarazzo. Entrambe le condizioni sono però normali e dipendono dal carattere e dalle esperienze maturate nel tempo. Ad esempio, il tipo di lavoro, l'educazione familiare e lo stile di vita condizionano molto la frequenza con cui ci si è ritrovati o potrebbe ritrovare in situazioni simili.

Ma quando il disagio è elevato e proviamo una intensa paura e senso di irrequietezza di fronte a situazioni sociali, o solo al pensiero di doverle affrontare, quando temiamo il giudizio degli altri, l'umiliazione e l'imbarazzo che potremmo sentire e sistematicamente evitiamo tali contesti, potremmo essere di fronte ad una Fobia Sociale.

La Fobia Sociale è caratterizzata da una paura intensa e pervasiva di trovarsi in una particolare situazione sociale non familiare, da cui possa derivare la possibilità di subire un giudizio da parte degli altri. La persona che soffre di Fobia Sociale può provare paura incontrollata per situazioni specifiche (Es. Lavoro, amicizie) o in modo più allargato per tutta la sfera sociale. Le conseguenze più importanti possono riguardare la difficoltà a creare relazioni nella sfera amicale e sentimentale, e la possibilità di accontentarsi di una posizione lavorativa più bassa rispetto alle proprie capacità.

A differenza della semplice timidezza, in cui un soggetto introverso seppur con molte difficoltà prova a stare nelle situazioni sociali, la Fobia Sociale (o Ansia Sociale) provoca una paura paralizzante, incontrollabile e porta l'individuo ad un sempre maggiore isolamento ed evitamento di tutti i contesti in cui prova disagio e ansia.

I Sintomi della Fobia Sociale sono paura di parlare in pubblico e dimenticare quello che si sta dicendo, paura di far notare il tremore della voce o del corpo, paura di essere poco chiari in un discorso. Frequentemente la persona con fobia sociale evita di parlare, mangiare o scrivere in presenza di altri così da non far vedere il tremore delle mani. Quando non riesce ad evitare tali situazioni, prova un disagio molto forte che si può presentare sottoforma di: palpitazioni, nausea, tensione muscolare, mal di testa, rossore al viso, sudorazione, gola secca, tremori.

Un altro sintomo tipico è l'ansia anticipatoria, che si prova già prima della situazione sociale che si dovrà andare ad affrontare. Tali paure vengono ritenute dalle persone stesse come esagerate e irrazionali e la difficoltà a controllarle ha un effetto devastante su autostima, senso di autoefficacia e inferiorità.

La terapia cognitivo-comportamentale ha una comprovata efficacia, riconosciuta scientificamente, nel trattamento della Fobia Sociale perchè agisce proprio sui pensieri negativi e irrazionali che innescano la paura per le situazioni sociali temute. Attraverso un lavoro di ridimensionamento e ristrutturazione di tali pensieri, e di conseguenza dell'idea che una persona ha di sè e dell'interpretazione di ciò che le accade, è possibile favorire l'apprendimento di nuovi comportamenti con cui potersi muovere nei contesti fino ad allora evitati. La Psicoterapia diventa pertanto la prima palestra per allenarsi a sviluppare capacità relazionali e ridurre sensibilmente il timore per le situazioni sociali, che saranno affrontate con la giusta gradualità.

Una frequente forma di Fobia Sociale è l'Ansia da Prestazione, che colpice maggiormente gli uomini e viene trattata nello specifico nel seguente approfondimento.

Gli altri Disturbi d'ansia:


Dott. Martino Miccoli
Psicologo Psicoterapeuta a Reggio Emilia

© 2020. «powered by Psicologi Italia». È severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it