"E' solo nell'acqua calma che possiamo vedere attraverso"
(Proverbio Taoista)

Psicologo Psicoterapeuta a Reggio Emilia

Dr. Martino Miccoli

  • Psicologo, Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
  • Esperto in Psicopatologia e Neuropsicologia Forense
  • Esperto in Emdr
  • Esperto in Mindfulness
  • Tecnico di Meditazione Sportiva
  • Preparatore mentale di I livello - Federtennis

A volte in un particolare momento difficile della nostra vita sentiamo di non farcela da soli, di non avere le energie, di avere ansia o paura per quanto sta accadendo, di avere bisogno di parlare con qualcuno, ma non sempre abbiamo la forza di chiedere aiuto. E' molto difficile accettare questa condizione di disagio e stress ed ammettere di avere un problema che non riusciamo a risolvere.

Spesso preferiamo evitare e far finta di niente, ma quando le difficoltà si accumulano, rischiamo di non vedere via di uscita e sprofondare in un mare di preoccupazioni. E' proprio in questi casi che la figura dello psicologo può aiutare ad uscire dal turbinio di emozioni ed incertezze, per arrivare insieme ad affrontare e risolvere le criticità di alcune fasi della nostra vita.

Cercare rimedi alla situazione attuale di difficoltà, analizzare i sintomi del disagio e curarli, essere guidati a vedere le strade da percorrere in maniera più nitida, per raggiungere i propri obiettivi e finalmente tornare a farcela da soli è il fine ultimo del sostegno psicologico.

Da diverso tempo mi occupo di ansia, panico e fobie, depressione, disturbi psicosomatici, disturbi sessuali, disturbi di personalità. Seguo pazienti in due diversi studi a Reggio Emilia e Reggio Emilia. La psicoterapia cognitivo-comportamentale è la terapia di elezione per curare i sintomi dell'ansia e della depressione, ma è efficace in tutta la sfera delle problematiche psicologiche.

Attraverso un colloquio iniziale si potrà valutare insieme l'entità del problema e fare un piano di trattamento con tempi, strumenti e obiettivi.

Ambiti di intervento

Psicologia clinica

Psicologia dello sport

Psicologia Giuridica

Formazione Aziendale

Domande Frequenti

Che differenza c'è tra Psicologo, Psicoterapeuta e Psichiatra?

Lo psicologo è un professionista laureato in psicologia e iscritto all'albo regionale di riferimento degli psicologi; nell'esercizio della sua professione può fare sostegno psicologico, counseling psicologico e somministrare test. Non può somministrare farmaci.

Lo psicoterapeuta è uno psicologo o uno psichiatra, specializzato in psicoterapia. Le scuole di psicoterapia durano quattro anni e sono di diversi orientamenti (psicanalitico, cognitivo-comportamentale, sistemico-relazionale, strategico-breve, ecc.). Per curare un disturbo psicologico attraverso specifiche terapie è necessario possedere il titolo di psicoterapeuta. Ad esempio nella cura di una fobia specifica o di un disturbo di panico, uno psicologo non specializzato in psicoterapia può fare solo sostegno psicologico e diagnosi del disturbo, ma una volta identificato è tenuto a segnalare la situazione ad un collega psicoterapeuta.

Lo psichiatra è un professionista laureato in Medicina e Chirurgia, specializzato in psichiatria. Nella presa in carico di un paziente lo psichiatra ha la possibilità di somministrare psicofarmaci, essendo un medico, per favorire il ritorno all'equilibrio psichico della persona.

Quanto dura la terapia?
Per quali disturbi è indicata?
Come funziona la terapia?

La terapia è costituita da una serie di incontri individuali della durata di circa un'ora. Generalmente la frequenza è settimanale mentre nell'ultima fase della terapia si riduce gradualmente fino alla dimissione del paziente. La cosa importante da evidenziare è che la terapia non è solamente l'ora passata nello studio dello psicoterapeuta. E' fondamentale un'azione impegnata del paziente il quale, una volta comprese le dinamiche del suo funzionamento psicologico, può attivarsi concretamente e seguire le indicazioni emerse in terapia, provando a metterle in pratica nella sua vita e quindi durante la settimana.

Nel primo colloquio, quello di conoscenza, il paziente e il terapeuta parlano apertamente del problema e del motivo del loro incontro. E' un momento in cui lo psicologo comincia ad individuare alcuni aspetti psicologici associati alle difficoltà della persona, da approfondire successivamente.

La prima fase della terapia viene definita di valutazione, in cui il terapeuta attraverso il colloquio ed eventualmente l'uso di alcuni test, mette a fuoco i fattori che influiscono sulla gravità del problema. La fase successiva è quella del trattamento vero e proprio, anche se già nella fase di valutazione il paziente arriva a comprendere i meccanismi del suo funzionamento, e impara a gestire meglio le difficoltà. Successivamente, se la terapia procede con i risultati sperati, si potranno impostare incontri più diradati per monitorare la situazione, prevenire eventuali ricadute e procedere verso la definitiva dimissione.

Come faccio a capire se ho bisogno di aiuto?
Lo psicologo e lo psicoterapeuta possono prescrivere farmaci nella terapia?

La Terapia Cognitivo-Comportamentale

La Terapia Cognitivo-Comportamentale (TCC) è un approccio flessibile e di breve durata, in cui paziente e terapeuta collaborano in un percorso co-costruito con obiettivi e strategie da seguire step by step. La TCC offre la possibilità di poter misurare ed evidenziare i cambiamenti e miglioramenti durante tale percorso.

Continua
© 2020. «powered by Psicologi Italia». È severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it